shadow

Una storica Norma di Bellini chiuderà il sipario, venerdì 7 aprile alle ore 20 (turno A) e domenica 9 alle 16 (turno B), sulla Stagione Lirica 2016/17 del Teatro Comunale. La scelta dei teatri di Ferrara e Treviso – coproduttori del titolo – è infatti caduta su un allestimento fedelissimo alla tradizione, con l’uso delle scene che Alessandro Sanquirico firmò per la prima dell’opera, alla Scala di Milano nel 1831: ora vengono riportate alla ribalta dalla regia di Alessandro Londei con i costumi di Veronica Pattuelli e le luci di Roberto Gritti, in un’operazione analoga a quella de La Sonnambula presentata due anni fa che ottenne un pieno apprezzamento da parte del pubblico ferrarese.

Se la regia si richiama in modo esplicito alla tradizione, le novità maggiori arrivano invece dal cast, per metà composto dai selezionati nell’ultima edizione del Concorso Toti dal Monte, al debutto assoluto al Teatro Comunale Claudio Abbado, impegnati al fianco di cantanti già affermati a livello internazionale.

Il ruolo di Norma, cavallo di battaglia dei più grandi soprani di tutti i tempi – da Maria Callas a Montserrat Caballé – sarà nell’occasione interpretato dall’esperta e apprezzatissima vicentina Silvia Dalla Benetta, cantante di notevole estensione vocale e temperamento comunicativo. Al suo fianco il ruolo di Pollione verrà ricoperto da Nelson Ebo, già conosciuto come “il Pavarotti angolano”, la cui vocalità ha fatto gridare al miracolo a Luanda, dove il giovane tenore si esibiva per l’alta società dell’Angola. Adalgisa sarà la russa Yulia Gorgula, mezzosoprano selezionata al Toti Dal Monte 2016, assieme all’ucraino Volodymyr Tyshkov, che nello stesso Concorso ha rivelato mezzi vocali pienamente adatti al ruolo. A completare la locandina, le voci di Valentina Corò (Clotilde) e Eder Vincenzi (Flavio).

Norma, pietra miliare del melodramma italiano dell’Ottocento, è un’opera in equilibrio fra classicità e romanticismo ed è senza dubbio uno fra i titoli più celebri del repertorio lirico internazionale. Coralità, declamazione, architetture musicali monumentali, tensione verso il sublime tragico sono i caratteri che contraddistinguono questo capolavoro legato al gusto francese (è tratta da Norma ou L’infanticide di Alexandre Soumet), e vengono tradotti in modo esemplare e originale nella veste musicale di Bellini e nel libretto di Felice Romani. In buca sarà l’Orchestra Città Ferrara, diretta dal maestro valenciano Sergio Alapont, presenze ricorrenti ed apprezzate dal pubblico cittadino della lirica, mentre si esibirà a Ferrara per la prima volta l’Ensemble Vocale Continuum di Trento diretto da Luigi Azzolini.

Il prezzo dei biglietti va da 15 a 63 euro. Per i giovani entro i 30 anni è prevista la riduzione del 50% sul prezzo del biglietto intero. Ricordiamo inoltre le formule Lirica in famiglia (biglietto a 5 euro per ragazzi sino a 12 anni accompagnati) e Under 20 (9 euro sino a 20 anni). Vendita in biglietteria e sul sito www.teatrocomunaleferrara.it. Per informazioni 0532 202675.

Ferraraè Magazine Channel