shadow

DAL 10 AL 12 MARZO LAURA MARINONI DIRETTA DA ANDREA DE ROSA

PORTA IN SCENA AL COMUNALE DI FERRARA IL DRAMMA DI FEDRA

            A quasi cinque anni dall’intensa interpretazione di Blanche, protagonista di Un tram che si chiama desiderio di Tennessee Williams, portata in scena al Comunale a fianco di Vinicio Marchioni, Laura Marinoni torna a Ferrara nei panni di unaltro personaggio femminile complesso e sfaccettato, da cui prende il nome anche lo spettacolo: Fedra.

Il dramma, tratto da Seneca – con estratti dall’Ippolito di Euripide – è in programma venerdì 10 e sabato 11 marzo alle 21 e domenica 12 marzo alle 16 nell’ambito della Stagione di prosa 2016/2017. L’attrice milanese protagonista della pièce è affiancata da Luca Lazzareschi e Fabrizio Falco, rispettivamente nel ruolo di Teseo e Ippolito; il cast è completato da Anna Coppola e Tamara Balducci.

La regia dello spettacolo è affidata ad Andrea De Rosa che, con una formazione filosofica e cinematografica, è ritenuto un  esponente di spicco del teatro di regia che coniuga scelte sempre innovative e poetiche sia nella prosa che nell’opera lirica.

Il tema fondamentale del personaggio e della tragedia di Fedra è l’amore, inteso come  furor ossia pazzia, passione violenta, delirio amoroso, desiderio sfrenato. Questa visione dell’amore si discosta totalmente dalla tradizionale visione romantica e sentimentale per rappresentare qualcosa di estraneo, che invade corpo e anima, come una malattia, da cui Fedra può guarire solo con la morte.

«Fedra è una donna condannata a soffrire per amore. Non fa nulla di male, non commette reati – racconta Laura Marinoni -. Il suo unico peccato è quello di amare un ragazzo che, per destino, è anche figlio dell’uomo che ha sposato». E prosegue «Guardando al mondo che ci circonda possiamo scorgere ovunque storie di amore che per motivi sempre diversi finiscono, o rischiano di finire, in tragedia. Basti pensare alla violenza di genere, ai soprusi fisici, verbali e psicologici di cui tantissime persone sono vittime. Seneca ha consegnato all’umanità un’opera immortale e sempre attuale».

Per approfondire i temi dello spettacolo giovedì 9 marzo alle ore 17 al Ridotto del Teatro Comunale la studiosa Claudia Pandolfi terrà una conferenza dal titolo “Ciò che voglio, io non lo voglio: Fedra e il conflitto tra volontà e passione”, nell’ambito del ciclo “Libri in scena”, organizzato in collaborazione con l’Associazione Amici della Biblioteca Ariostea.

info e vendita in biglietteria (tel. 0532 202675) e sul sitowww.teatrocomunaleferrara.it

 

Ferraraè Magazine Channel

Ferrara Turismo e Servizi

Gli ultimi Articoli

Ferrara ed il Palio più antico del mondo. Domenica 2 giugno alle 16 le gare con le corse di Putti, Putte, Asine e Cavalli in piazza Ariostea

Entra nel vivo, il programma del Palio di Ferrara, Venerdì 31 Maggio alle ore 09.45, in Piazza Ariostea, si terrà la prima prova obbligatoria dei Cavalli agli…


Ferrara in Fiaba nelle piazze del Centro Storico di Ferrara il 31 maggio, 1 e 2 giugno 2019

E se, come per incanto il 31 Maggio – 1 e 2 Giugno 2019 Ferrara diventasse una città dove le Fiabe della nostra infanzia, prendono vita? Torna Ferrara in…


Bestie pallide. Una collezione di silfidi, scozzesi e altri grandi ungulati performance di CollettivO CineticO

Site specific tratto da SYLPHIDARIUM Maria Taglioni on the ground concept, regia e coreografia Francesca Pennini  musica originale Francesco Antonioni …


“Le porte: un’apertura sulle mura e sulla città”, una mostra sui lavori degli allievi della Scuola De Pisis

Gli studenti, i docenti e il Dirigente dell’I.C. “F. De Pisis”, sono lieti di informare la cittadinanza che da mercoledì 29 maggio sarà…


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *